Alita(g)lia

Negli ultimi decenni la nostra politica economica – molto provinciale e irrazionalmente protezionista – ha rifiutato qualsiasi offerta per l’acquisizione della “compagnia di bandiera” da parte di società più grandi che avrebbero ammortizzato i maggiori costi e avrebbero reso Alitalia più competitiva.

Nel 2003 rigettammo infatti l’offerta KLM e nel 2008 quella di AirFrance in nome di un strano nazionalismo che ha generato una situazione ben peggiore di quella del decennio scorso e scaricando tutte le perdite sui cittadini contribuenti e Poste Italiane.

Per dirla con Ichino “la ragione principale addotta per quel rifiuto fu questa: ciò che spendiamo per difendere l’italianità di Alitalia ci ritorna abbondantemente in capacità di attrarre in Italia turisti e investitori. Ma l’argomento non sta in piedi. Che cosa ci fa pensare che i turisti e gli investitori vengano più volentieri in un paese dove il volo Milano-Roma costa il doppio rispetto al Parigi-Lione o al Londra-Glasgow, perché la tratta è protetta dalla concorrenza per tenere in vita la compagnia aerea di bandiera?”

Insomma una gestione economicamente irrazionale corredata da azioni politiche di natura meramente elettorale (vedi campagna di Berlusconi per le Politiche 2008) che ha il suo epilogo in un rifiuto dei lavoratori alla possibilità di una ristrutturazione aziendale, che comunque avrebbe portato la compagnia a continuare a trattare i suoi dipendenti meglio di quelli delle altre sotto il profilo salariale e lavorativo, ma tenendola sul mercato.

Ora le alternative sono due e basta: o si vende o si chiude. Gradirei un po’ di sobrietà da parte di alcuni nostri politici: si eviti di usare la parola “svendita”, perché ora Alitalia è un colabrodo che in pochi si vogliono appioppare e vale il prezzo che i potenziali acquirenti sono disposti a pagare. A chiunque riusciremo a venderla e qualunque condizione sarà comunque un affare per i cittadini contribuenti, troppo a lungo vessati dall’incapacità gestionale della compagnia.

Follow me!

Comments

comments